Turismo Attivo in Ogliastra, Autunno 2017

Turismo Attivo in Ogliastra, Autunno 2017

Turismo Attivo in Ogliastra, Autunno 2017

Trekking, Arrampicata, Mountain Bike, Kayak…

L’Ogliastra è il paradiso degli sport all’aria aperta

In Sardegna si può godere di un clima mite per quasi dodici mesi all’anno, ed è per questo che l’Isola si può vivere all’aria aperta. Gli sportivi più esigenti ma anche le famiglie ed i principianti trovano in Ogliastra il terreno di gioco ideale per il trekking, l’arrampicata sportiva, il canyoning, la mountain bike o il kayak.

Antichi sentieri dei pastori o dei carbonai si snodano tra creste, canyon e boschi nell’aspro territorio dell’Ogliastra. Alcuni vecchi tracciati consentono adesso di raggiungere le celeberrime cale del Golfo di Orosei dall’altopiano basaltico di Golgo: sono le bianche spiaggette di Cala Goloritzé, Cala Biriala, Cala Mariolu, Cala Sisine e Cala Luna. Un’ora di camminata per la spiaggia più vicina, circa quattro ore per raggiungere quella più lontana. Per i più audaci c’è anche il Selvaggio Blu, considerato tra i trekking più impegnativi d’Europa: 40 kilometri di costa collegano i vecchi sentieri dei carbonai superando gli ostacoli più impervi con calate in corda doppia e arrampicata fino al IV grado.

Difficile mappare tutti gli itinerari di arrampicata sportiva in Ogliastra: pareti ancora inviolate vedono ogni anno la visita di top climber che aprono una nuova linea, seguono un nuovo tracciato. Da un decennio circa l’Ogliastra è diventato uno spot molto gradito dai free climbers; il Supramonte di Baunei, le Gole di Gorroppu, i Tacchi di Jerzu, il Canyon di Ulassai offrono diversi stili di scalata associati a diversi tipi di roccia, dal bianco calcaree delle pareti a picco sul mare al rosso granito dell’interno.

Vi piace pagaiare circondati dal silenzio della natura? la costa Ogliastrina da Cardedu a Cala Luna è un profilo perfetto per chi desidera scoprire le bellezze del mare sardo a bordo di un kayak. Si aprono davanti agli occhi paesaggi insoliti, piccole grotte nascoste, calette bianchissime, fiordi, promontori… circondati da un mare cristallino. I tesori nascosti si possono scoprire quindi non solo camminando dall’entroterra ma anche dal mare, rispettando la natura.